Le catacombe di Parigi – Museo

Also available in: Inglese

Se il cranio è rivolto verso il muro, significa che la persona ha commesso dei peccati in vita, e quindi andrà all’inferno.

Posizione

Le Catacombe di Parigi sono un ossario sotterraneo il cui nome ufficiale è “Ossuaire Municipal”. Si trovano nei pressi di place Denfert-Rochereau, nel XIV arrondissement, nella 1 Avenue du Colonel Henri Rol-Tanguy.

In metro sono facilmente raggiungibili con la linea 4 e 6, in alternativa con l’autobus 38 e 68.

Per qualsiasi altra informazione potete visitare il sito ufficiale http://catacombes.paris.fr/en

Storia

La storia delle Catacombe di Parigi risale alla fine del XVIII secolo, quando importanti problemi di salute legati ai cimiteri della città portarono alla decisione di trasferirne il contenuto nel sottosuolo.

Le autorità parigine hanno scelto un sito di facile accesso e situato al di fuori della capitale: le vecchie cave del Tombe-Issoire, sotto la piana di Montrouge. Sfruttate almeno dal XV secolo e poi dismesse, queste cave costituiscono una piccola frazione del labirinto che si estende sotto la città per circa 800 ettari. Lo sviluppo del sito e l’organizzazione del trasferimento delle ossa sono affidati a Charles-Axel Guillaumot, ispettore dell’Ispettorato Generale delle Cave di Parigi, o CIG. Questo servizio, istituito il 4 aprile 1777 da Luigi XVI, ha il compito di monitorare e consolidare le cave dismesse a seguito di una serie di gravi crolli del suolo parigino a metà del XVIII secolo.

Le prime evacuazioni avvennero tra il 1785 e il 1787 e colpirono il più importante cimitero di Parigi, quello dei Santi-Innocenti, già condannato nel 1780 dopo quasi dieci secoli di utilizzo consecutivo. Alcuni cimiteri erano situati nel mezzo del più grande mercato parigino, laddove quest’oggi è situato il centro commerciale Les-Halles. A quei tempi, per via degli odori e dei fumi provenienti dalla tombe, il vino si trasformava in aceto e il latte diventava salato. Profumi di alcun genere non funzionavano contro tale odore acre. Si diceva che se si era diretti in viaggio verso Parigi, la città la si poteva annusare prima ancora di vederla.

Source: https://opacity.us/site263_paris_catacombs.htm

 

Dati tutti questi problemi, decisero di costruire delle mura attorno al cimitero, di aprire tombe vecchie di anni, svuotare le ossa e mettere dentro i cadaveri. Le ossa che tiravano fuori dalle vecchie tombe andarono a riempire le mura. A quel tempo la gente non aveva paura della morte, in quanto era in contatto con quest’ultima costantemente.

Capitò che però un bel giorno di primavera nel 1780 un muro dei depositi mortuari collassò rilasciando nel seminterrato di una casa tutto quello che era contenuto nelle tombe. Si decise perciò di chiudere quel cimitero, e altri che erano erano tenuti in condizioni simili.

Source: https://opacity.us/site263_paris_catacombs.htm

A quel punto una lampadina si accese. Dobbiamo pulire i nostri cimiteri, e dobbiamo riempire le cave nel sottosuolo per problemi di cedimento. Abbiamo la soluzione!

Ma alcune critiche si sollevarono. Infatti, a quei tempi, essere così vicini all’inferno, stipati nel sottosuolo, e così lontani dalla chiesa e senza protezione, poteva essere un problema. “Che mai faranno i nostri antenati quando si risveglieranno durante il giorno del giudizio?” si chiedevano.

Perciò assunsero dei preti per andare nelle cave a santificare, e ogni anno si organizzava una messa per i morti. Al giorno d’oggi non esistono più messe, in quanto le catacombe sono patrimonio statale. I cristiani per contro decisero di scrivere delle piccole preghiere da inserire dentro i teschi.

Ritornando a noi, sei anni dopo, le tombe e le fosse comuni vengono svuotate delle loro ossa, che furono poi trasportate al calar della notte per evitare reazioni ostili da parte della popolazione parigina e della Chiesa. Le ossa vengono successivamente scaricate attraverso due pozzi di servizio nella cava, per poi essere distribuite e ammucchiate nelle gallerie dagli operai. I trasferimenti continuarono dopo la Rivoluzione fino al 1814 con la soppressione dei cimiteri parrocchiali nel centro di Parigi come Saint-Eustache, Saint-Nicolas-des-Champs e il convento di Bernardins. Riprendono nel 1840 durante i lavori urbanistici di Luigi Filippo e durante i cantieri haussmannianiani dal 1859 al 1860. Il sito fu consacrato “Ossario Municipale di Parigi” il 7 aprile 1786 e da quel momento si appropriò del mitico termine “Catacombe”, in riferimento alle catacombe di Roma, oggetto di pubblico fascino fin dalla loro scoperta.

Source: https://opacity.us/site263_paris_catacombs.htm

Dal 1809, le Catacombe divennero accessibili al pubblico su appuntamento, e alla fine del tour venne aperto un registro per raccogliere le impressioni dei visitatori.

Nel corso degli anni l’ossario ha accolto molti personaggi illustri: nel 1787, il conte di Artois, il futuro Carlo X, visitò l’ossario in compagnia delle dame di corte; nel 1814, l’imperatore austriaco Francesco I li visitò a sua volta e, nel 1860, Napoleone III vi scese con suo figlio.

Nel corso del XIX secolo, le modalità di visita sono cambiate costantemente, dalle chiusure totali alle aperture mensili o trimestrali. Oggi le Catacombe di Parigi sono accessibili a tutti senza autorizzazione e ricevono quasi 550.000 visitatori all’anno.

Geologia e cave

Tra il livello della strada e le catacombe ci sono strati di roccia vecchi di circa 45 milioni di anni.

In quest’epoca geologica, Parigi e i suoi dintorni erano coperti da un mare tropicale. Diversi metri di sedimenti e fango si sono accumulati sul suo fondale marino, che col tempo è diventato calcareo. Il livello delle Catacombe corrisponde a questo banco di calcare che rappresenta il periodo chiamato “luteziano”, in riferimento al nome di Parigi in epoca romana, Lutetia. Datata tra i 48 e i 40 milioni di anni fa nella scala geologica, questa banca è suddivisa in luteo superiore, luteo medio e luteo inferiore. Le cave occupano il livello superiore e medio, mentre all’interno del corso dell’ossario, un pozzo d’acqua soprannominato il “pediluvio dei cavatori” scende al livello inferiore.

Source: https://www.datacombes.com/histoire-secrete-du-paris-souterrain-lacordaire/

Una grande varietà di sedimenti è presente a Parigi, fornendo fin dall’antichità importanti quantità di materiali da costruzione, dalla sabbia, dall’arenaria, dall’argilla e dal gesso. Tuttavia, è proprio la pietra calcarea luteziana, nota come “pierre de Paris”, che ha fornito la maggior parte della pietra da costruzione fino all’inizio del XX secolo.

Le vecchie cave, diventate troppo profonde, si stanno gradualmente evolvendo verso l’estrazione in sotterraneo con lo scavo di gallerie che raggiungono le panchine più in basso nella roccia. I pilastri torniti sono stati lasciati al loro posto per sostenere il terreno e, nel XV secolo, un sistema di pozzi ha facilitato l’innalzamento della pietra.

Il metodo di estrazione mineraria con l’arpionatura e la rincalzatura è stato sviluppato nel tardo Medioevo. Consiste nell’estrarre tutta la pietra dalla cava senza lasciare parti di supporto, per poi consolidarla con la costruzione di pilastri detti “pilastri a mano”. Tra questi, i muri di pietra chiamati “leghe” sono montati per contenere il materiale di riempimento tagliato e facilitare la circolazione nella cava. Purtroppo lo scavo di queste gallerie era poco regolamentato dalle autorità parigine; le cave di Parigi furono definitivamente condannate con il decreto del 15 settembre 1776, in seguito a numerosi crolli nel cuore della città.

L’ossario

L’ossario comunale delle Catacombe è uno dei più grandi ossari del mondo e unico con i suoi sotterranei.

Prima della sua apertura al pubblico nel 1809, fu oggetto di un significativo sviluppo decorativo sotto l’egida dell’ispettore Héricart de Thury, che trasformò il luogo secondo la sua visione museografica e monumentale.

Si entra nell’ossario attraverso una porta metallica incorniciata da due pilastri decorati con motivi geometrici bianchi su fondo nero, sul cui architrave è inciso questo lugubre monito: ‘Stop! Questo è l’impero della morte.”Questo alessandrino è tratto dalla traduzione dell’Eneide di Jacques Delille (inno VI). È la frase con cui Enea viene salutato da Caronte, traghettatore che ci permette di attraversare il fiume Stige per raggiungere gli inferi. Sulla parete sinistra della prima sala, una lapide ricorda la creazione dell’ossario.

Sei milioni di ossa di francesi giacciono in circa 780 chilometri di gallerie tortuose, per lo più inaccessibili al pubblico, a un’altezza media di un metro e mezzo. La loro superficie totale è di 10.933 m2. Su ogni lato del percorso di visita, le ossa formano lunghi allineamenti di teste femorali o tibiali sullo stesso modello degli haggons dei cavatori, di cui si possono vedere solo le apofisi. Dietro le faccette si accumulano le ossa rimanenti, spesso molto frammentate dalle conseguenze della loro caduta. I fregi costituiti da teschi sono disposti a più altezze e leggermente sporgenti da queste pareti di ossa, che mostrano una ricerca decorativa di tipo romantico-macabro. Tuttavia, dietro questi allineamenti, migliaia di scheletri rimangono mescolati in disordine. Le targhe incise indicano la provenienza e l’anno del trasferimento davanti alle ossa; altre recano spesso citazioni grandiloquenti di grandi autori, o di altre celebrità del primo Ottocento, in francese o in latino.
Lungo il percorso si trovano anche monumenti in muratura in stile antico ed egiziano sotto forma di pilastri dorici, altari, teschi o tombe. Nomi ispirati alla letteratura religiosa o romantica e all’Antichità sono attribuiti a certi luoghi: il sarcofago lacrimatorio, la fontana della Samaritana o la lampada sepolcrale.

Al centro di una galleria che si allarga in una rotonda, la fontana del Samaritaine fu costruita nel 1810 per raccogliere l’acqua della falda, scoperta dagli operai durante i lavori dell’ossario. Si riferisce all’episodio di Cristo e della samaritana al pozzo di Giacobbe, evocato dall’iscrizione: “Chiunque beva quest’acqua avrà ancora sete”. Ma chi beve l’acqua che gli darò non avrà sete per l’eternità…”. Era anche chiamata “fonte di Lethe” o “dell’oblio”, per analogia con il fiume della mitologia greca, dove le anime dei morti si dissetavano per dimenticare le circostanze della loro esistenza.

Più avanti, una sala o cappella più grande, nota come “cripta del sacello”, ha un altare, dove per lungo tempo è stato celebrato l’Ufficio dei Morti. L’altare, riproduzione di un’antica tomba scoperta nel 1807 sulle rive del Rodano tra Vienne e Valence, è in realtà un consolidamento mascherato, reso necessario da una frana nel 1810. Il monumento reca un’incisione: “Addormentati dalla morte, ecco i nostri antenati. “La sala ha anche una grande croce bianca e piccoli sgabelli in pietra.

Dopo un’ansa della galleria, una colonna di pietra si innalza in una rientranza, sormontata da un’antica vasca sagomata, detta “lampada sepolcrale”. Questo monumento, il primo ad essere costruito nell’ossario, veniva utilizzato per bruciare la resina pece, dato che l’aria era contaminata da odori fortissimi e acri, rendendo così difficile la respirazione agli operai incaricati ai trasferimenti. La manutenzione di un focolare era infatti il modo migliore per garantire la ventilazione durante i lavori sotterranei. Veniva utilizzato per sorvegliare i morti e, più prosaicamente, per migliorare la circolazione dell’aria prima della costruzione dei pozzi di ventilazione.

In un’altra stanza si trova la “tomba di Gilberto” o il “sarcofago lacrimatorio”, il quale in realtà è un semplice consolidamento. È dedicato a Nicolas Gilbert (1750-1780), un poeta maledetto i cui versi sono incisi sul monumento. Fu l’ingegnere delle Miniere di Caly che ebbe l’insolita idea di costruire questa falsa tomba in mezzo a migliaia di ossa senza luogo di sepoltura. Le seguenti gallerie contengono i resti delle vittime dei combattimenti nelle Tuileries e della Rivoluzione.

Più avanti si trova l’unica pietra tombale contenuta nell’ossario: quella di Françoise Gellain (o dame Legros) la cui lapide è stata trasferita dal cimitero di Vaugirard, che fu svuotato nel 1860. Questa donna si innamorò – senza averlo mai visto – di un prigioniero della prigione di Bicêtre, l’avventuriero Latude (1725-1805), di cui aveva trovato un biglietto gettato da una finestra. Ha poi dedicato la sua vita a liberarlo. Raggiunto il suo obiettivo, ricevette il Prix de Virtue dall’Académie Française nel 1784.

Vicino all’uscita dell’ossario, una vasta sala interamente circondata da ossa, chiamata “Cripta della Passione” o “Rotonda di Shin”, è formata da una strana scultura di ossa a forma di botte. È costituito esclusivamente da stinchi, attorno a un pilastro di consolidamento. È in questa sala che si svolse il concerto clandestino del 2 aprile 1897.

Ansioso anche di portare una dimensione educativa al percorso, Héricart de Thury fece costruire degli armadietti, uno dedicato alla mineralogia, l’altro alla patologia. Quest’ultimo mostrava campioni che si riferivano a malattie e deformazioni delle ossa secondo le ricerche del dottor Michel-Augustin Thouret nel 1789. L’ultimo strumento educativo è l’insieme di targhe decorate con testi religiosi e poetici distribuiti nelle gallerie, volte a portare il visitatore in uno stato di introspezione e di riflessione sulla morte.

Le Catacombe di Parigi sono state oggetto di diversi studi sull’ambiente sotterraneo. Poco dopo la loro apertura, due ricercatori del Museo Nazionale di Storia Naturale si sono particolarmente interessati a questo mondo: Jacques Maheu, botanico, studioso di flora negli ambienti privi di luce, e Armand Viré, speleologo e naturalista, i quali mettono in evidenza l’esistenza di alcuni crostacei abitanti delle caverne. Anche Héricart de Thury realizzò un esperimento nel 1813: introdusse quattro carpe dorate nella vasca della fontana del Samaritaine; i pesci sopravvissero, ma non si riprodussero e finirono per diventare ciechi.

Nel 1861 fu Félix Tournachon, meglio conosciuto come Nadar, a sperimentare per tre mesi i primi scatti con la luce artificiale. Poiché l’oscurità ha reso il tempo di esposizione molto lungo, il fotografo ha utilizzato manichini per ritrarre i lavoratori sul posto di lavoro.

Oggi, la ricerca sulle patologie continua durante le campagne di consolidamento dell’ossario. La conservazione preventiva delle ossa in un ambiente sotterraneo molto umido, il rispetto dei resti umani e la valorizzazione del patrimonio geologico, archeologico e storico costituiscono una vera sfida per le Catacombe di Parigi.

Con un cambiamento di significato, il termine “Catacombe di Parigi” – nome proprio attribuito alla sezione di cava trasformata in ossario nel XVIII secolo – è oggi usato per estensione e per errore per riferirsi a cave che si estendono sotto Parigi e talvolta anche oltre Parigi.

Dettagli e informazioni aggiuntive

– Il museo ricopre una superficie di 2 km, quando le catacombe in tutta la loro grandezza si estendono per 280 km sotto la capitale Francese.

– Nelle catacombe è presente una temperatura costante di 14°

– La lunghezza delle gallerie nell’ossario è di 800 metri

– Il tempo medio di un tour sono 45 minuti

– Dovrete fare un totale 213 gradini (130 verso il basso, e altri 83 per raggiungere l’uscita)

– La profondità delle catacombe può andare da 1 fino a 21 metri.

Curiosità

Le catacombe contengono le ossa di oltre sei milioni di parigini, tra cui molte celebrità della storia francese sepolte a Parigi. Ma i loro resti si sono uniti a quelli di milioni di parigini anonimi, nessuno dei quali è stato finora identificato.

Charles-Axel Guillaumot, il primo ispettore generale delle cave e responsabile del consolidamento e del trasferimento delle ossa, fu sepolto nel 1807 nel cimitero di Sainte-Catherine, il cui contenuto fu poi trasferito nelle catacombe. Diversi personaggi famosi della storia francese hanno trovato la loro ultima dimora nell’ossario: Nicolas Fouquet, sovrintendente delle finanze di Luigi XIV, sepolto nel convento di Filles-de-la-Visitation-Sainte-Marie, trasferito nel 1793; il ministro Colbert, sepolto in una volta della chiesa di Saint-Eustache, violata durante la Rivoluzione e trasferita nelle Catacombe.

Source: https://opacity.us/site263_paris_catacombs.htm

Dalla chiesa di Saint-Paul provengono i resti di Rabelais, François Mansart, Jules Hardouin-Mansart, l’uomo con la maschera di ferro e Jean-Baptiste Lully. Da Saint-Étienne-du-Mont vengono trasferiti quelli di Racine, Blaise Pascal e Marat, di Saint-Sulpice e Montesquieu; dal cimitero di Saint-Benoît, quelli degli incisori Guillaume Chasteau e Laurent Cars, di Charles e Claude Perrault, nonché Héricart de Thury, zio di Louis-Étienne, ispettore delle cave. Dal cimitero di Ville-l’Évêque provengono i corpi delle 1.000 guardie svizzere massacrate alle Tuileries nel 1792 e delle 1.343 persone ghigliottinate al Carrousel o a Place de la Concorde tra il 1792 e il 1794, tra cui Charlotte Corday. Con il trasferimento delle ossa dal cimitero di Errancis sotto la Restaurazione, anche Danton, Camille Desmoulins, Lavoisier e Robespierre si sono uniti alle catacombe.

Il martire Sant’Ovidio, sepolto nelle catacombe di Roma, fu riportato a Parigi da Papa Alessandro VII. Le sue spoglie furono collocate nel convento dei Cappuccini, e successivamente le ossa furono trasferite nell’ossario il 29 marzo 1804. È quindi l’unico ad essere stato sepolto in due catacombe allo stesso tempo. La tomba acroteriale di Philibert Aspairt e il ritrovamento del suo corpo nel 1804 sarebbero solo una bufala dell’Ispettore delle Miniere.

Source: https://sites.google.com/site/catacombesdeparisdrouet/home/les-celebrites-des-catacombes

Le strade di Parigi

I corridoi lunghi e stretti seguono la disposizione delle strade di superficie. Difatti, alcuni nomi di vie che troverete incisi in alcune targhette di pietra nel sottosuolo stava a rappresentare esattamente quelle di superficie. Al giorno d’oggi la planimetria di Parigi è cambiata, e solo poche vie sono rimaste con il loro nome originale.

La segnaletica nel sottosuolo

Gli architetti e gli ingegneri dell’ispezione generale della cava firmavano il loro operato incidendo nella pietra il numero del sito, le loro iniziali e l’anno. Grazie a queste iscrizioni è possibile seguire i consolidamenti e i miglioramenti apportati alla fine del 18esimo secolo. Così “65 G. 1781” indica il 65esimo intervento/muro effettuato da Charles- Axel Guillaumot nel 1781.

Archivi e antenati

E’ possibile ripercorrere grazie ad alcuni archivi di Parigi il luogo di sepoltura dei vostri possibili antenati. Tutto ciò grazie al re Francis I, che nel 1500 decise di tenere un registro dove ogni matrimonio, nascita e morte doveva essere registrato, con ovvia eccezione per i protestanti.

Memento Mori

Le catacombe di Parigi furono costruite durante il movimento del Memento Mori (ricordatevi che dovete morire, ovvero un ricordo artistico o simbolico dell’inevitabilità della morte). Infatti troverete molti segni e poesie che ricordano di come si deve godere della propria vita in quanto temporanea ed effimera. Ma, il tutto dipenderà dalle scelte che il soggetto ha compiuto in vita. Detto ciò, per enfatizzare questo messaggio, i teschi che sono rivolti verso il muro andranno all’inferno. I teschi che sono rivolti verso chi li guarda, andranno in paradiso. Ovviamente gli operai non sapevano chi andava all’inferno, e chi andava in paradiso, perciò li disponevano casualmente. A prova di tutto ciò si trovano delle intere pile di teschi di alcune suore che sono rivolti verso il muro.

Source: https://douglawrence.wordpress.com/2014/02/06/actor-philip-seymour-hoffmans-funeral-will-be-held-at-a-catholic-church-in-manhattan/

Identificare il sesso di un craneo

Ci sono una serie di caratteristiche del cranio che si trovano più comunemente nei maschi rispetto alle femmine e questi sono gli indicatori utilizzati dagli archeologi forensi per determinare il sesso di un individuo.

Generalmente, i crani maschili sono più pesanti, l’osso è più spesso e le aree di attacco muscolare sono più definite rispetto alle femmine. Ci sono anche differenze chiave nell’aspetto della fronte, degli occhi e della mandibola, tra uomini e donne che vengono utilizzati per determinare il sesso di un cranio.

Fronte e cresta sopraccigliare:

Se visti di profilo, i crani femminili hanno la fronte arrotondata (osso frontale). Le ossa frontali maschili sono meno arrotondate e inclinate all’indietro con un angolo più dolce. Questa cresta lungo la fronte è prominente nei maschi e molto più liscia nelle femmine. Poiché questa cresta si trova sopra gli occhi (orbite), questa struttura è nota come cresta sopraorbitale.

Cavità oculare:

Le femmine tendono ad avere orbite oculari rotonde con bordi appuntiti ai bordi superiori. Al contrario, i crani maschili hanno orbite molto più squadrate con margini superiori degli occhi più smussati.

Mascella :

I maschi hanno la mascella quadrata e la linea tra il bordo esterno della mascella e l’orecchio è verticale. Nelle femmine, invece, la mascella è molto più appuntita e il bordo della mandibola scende dolcemente verso l’orecchio.

Il problema viene quando alcune donne hanno caratteristiche simili a quelle degli uomini, e viceversa. Anche per i bambini non si può capire se siano maschi o femmine, in quanto non hanno ancora raggiunto la pubertà e alcuni ossi non si sono ancora chiusi.

Rivoluzione francese

Nel cuore dell’ossario, le targhe evocano eventi significativi della Rivoluzione francese: il “combattimento nella fabbrica del Réveillon a Faubourg Saint-Antoine il 28 aprile 1789”, dove la manifestazione dei lavoratori si concluse con un massacro e il “combattimento al castello delle Tuileries il 10 agosto 1792” che contrappone le guardie svizzere agli insorti delle sezioni parigine. A quel tempo, l’ossario serviva temporaneamente come obitorio dove venivano collocati i corpi delle persone uccise negli scontri.

Durante la Rivoluzione Francese fu deciso di cambiare il calendario Gregoriano, in quanto troppo “cristiano”, e di avere il proprio. Quindi se mai troverete un 40r, invece di una data qualsiasi, significherà 40esimo anno repubblicano dopo la rivoluzione, quindi il 1829.

La rivoluzione lascia dietro a se qualsiasi ricordo legato al re e alla chiesa, quindi pure le vie cambiano di nome, e pure i tre petali legati alla monarchia vengono cancellati.

Source: https://en.wikipedia.org/wiki/French_Revolution_of_1848

Cripta della passione: la Botte

Al centro di questo spazio chiamato “cripta della passione” o “shin rotunda” c’è un pilastro portante mascherato da una copertura di teschi e stinchi a forma di botte. Il 2 aprile 1897, un concerto notturno fu organizzato qui, tra la mezzanotte e le due del mattino. Inoltrato dalla stampa, avrebbe accolto più di un centinaio di partecipanti, che sono venuti ad ascoltare, tra le altre cose, la marcia funebre di Chopin e il macabro Danse di Camille Saint-Saens. Già in questo momento, il posto affascinava i parigini in cerca di emozioni.

Film

Le catacombe di Parigi sono state anche teatro di film dell’orrore, con protagonisti ed eventi attraverso storie di fantasia quali:

– I Gaspare di Pierre Tchernia

– Catacombe di David Elliot e Tomm Coker

– Parigi di Cédric Klapisch

– Catacombes (As Above, so Below) di John Erick Dowdle

Source: https://www.themoviedb.org/movie/109565-catacombs/images/backdrops

Avvertenze

Vietato l’ingresso a chiunque soffra di malattie respiratorie o cardiache, a persone sensibili e a bambini.

Bisogna fare attenzione a quando si passeggia di mantenere una certa distanza dalle pareti, e di spostare gli zaini di fronte a se. Ci sono stati casi in cui interi muri di ossa sono crollati per la negligenza dei visitatori.

Si può essere perseguiti legalmente (anche con anni di carcere) se mai si dovesse depredare le catacombe di qualche reperto.

Descrizione

Il tour delle Catacombe inizia al 1, avenue du Colonel-Henri-Rol-Tanguy. Dopo la piccola biglietteria, una scala di centotrenta gradini dà accesso, venti metri più in basso, a piccole sale, con pannelli esplicativi sulla storia delle catacombe e mostre temporanee.

Una galleria ne esce verso sud, sotto il viale René-Coty, già Avenue du Parc-de-Montsouris. Più avanti, il percorso segue le strette gallerie di consolidamento dell’acquedotto Arcueil, costruito per Marie de Médicis, che forniva l’acqua al Palais du Luxembourg. L’acquedotto è sostenuto da una massiccia struttura in muratura, delimitata da due gallerie laterali, collegate da parte a parte da diverse gallerie trasversali. Oggigiorno per ovvi motivi è a secco.

Successivamente raggiungo l’Atelier, ovvero le ex cave di calcare del luteziano, dall’aspetto ruvido e dotate di numerose partenze da gallerie chiuse da cancelli. È uno dei rari settori delle cave sotterranee che ha mantenuto il suo aspetto alla fine dello sfruttamento. Il soffitto della cava è sostenuto da pilastri torniti (in pietra) o da pilastri a braccio (in pietre sovrapposte, spostate con la mera forza delle braccia) e i muri sono in “haggis” che tengono in posizione i blocchi. Le ossa più piccole sono state posizionate dietro, mentre le ossa più grandi come i femori e i teschi sono state posizionate davanti, e si reggono in “piedi” solo tra di loro. Gli spazi tra le pietre veniva colmato con altre più piccole, e in questo caso con le ossa umane. Un corridoio in leggera pendenza consente l’accesso ai livelli inferiori.

Il visitatore entra poi nella galleria Port-Mahon. Queste sculture realizzate in pietra dal 1777 al 1782 sono opera di un cavatore di nome Décure, detto Beauséjour, un veterano degli eserciti di Luigi XV. Secondo Le Conducteur portatif del 1829, era un soldato arruolato nel 1756 nell’esercito di Richelieu durante la riconquista di Minorca. Dopo essere stato congedato, si è unito all’Ispettorato delle Cave per integrare la sua modesta retribuzione. Lavorando durante il giorno ai lavori di consolidamento sotto la direzione di Guillaumot, scolpì un modello dopo il suo lavoro e raffigurò varie vedute del forte di Port-Mahon, la principale città dell’isola di Minorca, nelle Isole Baleari, dove sarebbe stato prigioniero degli inglesi per un certo periodo. Volendo perfezionare il suo lavoro, cominciò a creare una scala dal livello superiore della cava, ma questo provocò un collasso che lo uccise. Possiamo dire che Décure è stato il primo cataphile di cui si ha nome.

A poca distanza troviamo il pediluvio dei cavatori, un piccolo pozzo che contiene una massa d’acqua particolarmente limpida, un tempo utilizzata dagli operai che lavoravano al consolidamento dell’ossario. Dotata di ringhiera, deve il suo nome alla trasparenza dell’acqua, che la rende appena visibile al visitatore disinformato che si bagnava i piedi quando scendeva gli ultimi gradini immersi della scala d’accesso. Questo è stato il primo pozzo geologico scavato sotto Parigi, la cui sezione oritrognostica è stata sollevata nel 1814 da Héricart de Thury. Il suo obiettivo era il riconoscimento della costituzione geologica del sottosuolo. La galleria ha poi guadagnato altezza nel passaggio noto come “cava doppia”. Il visitatore raggiunge poi l’ossario, il cui vestibolo viene utilizzato anche per mostre temporanee.

Sulla mappa:

Source:

  • https://www.futurelearn.com/courses/forensic-facial-reconstruction/0/steps/25656
  • http://catacombes.paris.fr/

 

 

Lascia un commento