Mondo Toon

Also available in: Inglese

Quando vedranno una nuova luce i miei quadri, ora che avvolti nel mistero stanno lentamente scomparendo? Forse la mia dimora diverrà un’opera d’arte, e come in un dipinto ospiterà lo sguardo e l’inconscio dello spettatore. Alla fine, un dipinto nasconde sempre una storia vissuta.


Posizione

La villa abbandonata si trova tra Bologna e Ferrara, in un paesello sperduto di campagna.

Storia & Descrizione

Non molto si conosce a proposito di questo palazzo. Quel poco che si sa risale agli anni 60, all’ultima famiglia che l’ha abitato. Dopo aver ristrutturato la villa, la maggior parte degli affreschi presenti in ogni stanza e corridoio furono parzialmente cancellati e nascosti da varie tinte e carte da pareti.

L’abbandono di questa villa tuttavia è un punto di domanda ancora irrisolto. Perché abbandonare tutto, e lasciarsi dietro cimeli di famiglia, arredi, quadri, stampe e quant’altro? Infatti esplorando l’edificio si può facilmente notare le centinaia di chiudi sui muri, e le innumerevoli macchie scure e umide lasciate sui muri. Questo dà a pensare che ogni angolo della casa fosse ricoperto da qualche quadro.

Si possono tutt’ora notare moltissime riproduzioni di quadri celebri, stampe di monumenti, panorami, puzzle con alcuni protagonisti dei fumetti. A questo si va aggiungere una libreria ancora stracolma di libri di autori diversi, tutti alla rinfusa. Molti sono i testi di psicologia e di D’Annunzio, e per goderteli in tranquillità nei ripiani ci sono bottiglie e calici di vino. Ad aggiungersi c’è la villa in buono stato, e questo potrebbe far pensare a un abbandono forzato, o la morte di qualcuno.

 

Entrare in questa villa mi ricorda molto il viaggio nel mondo delle favole di Alice e Nelly. Anche qui il mio cuore e la mia immaginazione avevano le ali e hanno spiccato il volo. Nonostante la nostra visita sia stato un mordi e fuggi, il sapore scremato di questa villa mi è rimasto come retrogusto.

Il culmine è accorso in quella che probabilmente era adibita alla stanza dei bambini. Ovunque puzzle di ogni personaggio dei cartoni animati, dove ogni desiderio prendeva forma, e ogni abitante del mondo dei disegni prendeva vita. “Possiamo essere amici?”, chiedevano le creature animate. “Uhm, possiamo fingerlo di esserlo” è stato di rimando la nostra risposta. Una storia dentro un’altra storia, un armadio di Narnia senza anta. Può darsi che i padroni di casa si siano trovati nella storia sbagliata, e abbiano deciso di iniziarne un’altra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sulla Mappa:

Lascia un commento